Psycho

Psycho

(Psycho, USA/1960) di Alfred Hitchcock

Soggetto: dal romanzo omonimo (1959) di Robert Bloch. Sceneggiatura: Joseph Stefano. Fotografia: John L. Russell. Montaggio: George Tomasini. Musiche: Bernard Herrmann. Scenografia: Robert Clatworthy, Joseph Hurley. Costumi: Rita Riggs. Interpreti: Anthony Perkins (Norman Bates), Janet Leigh (Marion Crane), Vera Miles (Lila Crane), John Gavin (Sam Loomis), Martin Balsam (detective Arbogast), John McIntire (sceriffo Chambers), Simon Oakland (dottor Richmond), Vaughn Taylor (George Lowery). Produzione: Alfred Hitchcock per Shamley Productions. Durata: 109’

Questo restauro in 4K contiene tredici secondi di materiale restaurato tagliati dalla censura dopo l'uscita iniziale nelle sale. Ora è possibile vedere il film come fu visto originariamente nei cinema nel 1960, proprio come lo aveva pensato e voluto Alfred Hitchcock.

Il capolavoro del macabro di Alfred Hitchcock vede Anthony Perkins nei panni del tormentato Norman Bates, tassidermista e voyer, la cui vecchia casa buia e il motel adiacente non sono esattamente il posto dove trascorrere una serata tranquilla. Nessuno lo sa meglio di Marion Crane (Janet Leigh), la sfortunata cliente il cui viaggio termina nella famigerata scena della doccia, 45 secondi fra i più celebri della storia del cinema. A cercarla saranno un investigatore privato e la sorella di Marion (Vera Miles). Hitchcock gioca da maestro con le attese e le emozioni del pubblico: l'orrore e la suspense salgono fino a quando il volto del misterioso assassino verrà finalmente rivelato.

L'idea, in Psycho, è che basta una lieve deviazione nelle relazioni umane (deviazione di percorso, di comportamento, di desiderio) perché esse conducano alla distruzione. Psycho svela il caos appena sotto la superficie levigata della civiltà, la barbarie come sempre tra di noi, dentro di noi.
(Peter von Bagh)


Ho sempre pensato che sullo schermo bisogna mostrare il minimo per ottenere il massimo sul pubblico. A volte è necessario mostrare un po’ di violenza, ma soltanto se vi è una forte motivazione. Per esempio, in Psycho è presente questo assassinio impressionistico in una doccia [...]. Ora, una volta mostrata quella scena, ho instillato nelle menti degli spettatori un’apprensione riguardo l’esistenza di un assassino in modo che, col procedere del film, ho potuto ridurre e praticamente eliminare l’ulteriore violenza perché desideravo che la minaccia fosse soltanto percepita. [...] Psycho è stato concepito soprattutto per depistare lo spettatore. Lo spettatore doveva pensare che il film parlasse di una ragazza che rubava 40.000 dollari. [...] La mia più grande soddisfazione è che il film ha avuto un effetto sul pubblico, ed era la cosa alla quale tenevo di più. In Psycho del soggetto mi importa poco, dei personaggi anche; quello che mi importa è che il montaggio dei pezzi del film, la fotografia, la colonna sonora e tutto ciò che è puramente tecnico possono far urlare il pubblico.
(Alfred Hitchcock)

Truffaut sul film

La genesi del film

Soggetto e sceneggiatura Erano pochissime le persone del cui istinto Hitchcock si fidasse ma Peggy Robertson, sua assistente di produzione dai tempi di Il peccato di Lady Considine (1949), faceva sicuramente parte di questa cerchia ristretta. […] ...
Truffaut sul film

Vittima e carnefice: Janet Leigh e Anthony Perkins

Venne il giorno tanto atteso: dovevo incontrare Mr. Hitchcock a casa sua in Bellagio Road. Sulla scrivania del suo studio c’era un modello in scala di ogni set che avrebbe usato, completo di mobili in miniatura, pareti aperte, piccole bambole al posto ...
Truffaut sul film

Gridando sotto la doccia

Le scene del bagno dovevano essere girate dal 17 dicembre al 23 dicembre 1959. È ironico se ci pensate: durante il giorno ero sul punto di essere pugnalata a morte, di notte impacchettavo i regali di Babbo Natale per i miei figli. […] Prima dell’inizio...
Truffaut sul film

Mammina cara

Per trovare il prototipo della madre hitchcockiana perfida e raccapricciante occorre risalire alla tetra Mrs. Whittaker di Fragile virtù (Easy Virtue, 1927), capace di rendere impossibile la vita alla bionda nuora e di influenzare il figlio fino a ...
Truffaut sul film

Una visita al Bates Motel: spazi, geometrie, specchi

Con l’aiuto della televisione, l’omicidio andrebbe portato nelle case, perché il suo posto è lì. Alcuni dei nostri omicidi più deliziosi sono stati domestici: perpetrati con tenerezza in posti semplici e accoglienti come il tavolo della cucina o la ...
Truffaut sul film

Il giusto taglio: fotografia, musica e voyeurismo

Il bianco e nero Il minimalismo in bianco e nero dello stile visivo che Hitchcock ricreò con una troupe di operatori e con il cameraman John Russell ricordano lo stile dei film horror della Universal come Radiazioni BX: distruzione uomo, i cui lauti ...
Truffaut sul film

Antologia critica

Forse i miei film sono troppo raffinati per i critici. Sembra che ci mettano un anno a capirli del tutto. Alfred Hitchcock Il produttore-regista Hitchcock si è immerso fino al collo nella bizzarria e sembra che si sia divertito un mondo a mettere insieme ...
Galleria fotografica