Easy Rider

Easy Rider

Regia: Dennis Hopper. Soggetto e sceneggiatura: Peter Fonda, Dennis Hopper, Terry Southern. Fotografia: Laszlo Kovacs. Montaggio: Donn Cambern. Scenografia: Jerry Kay. Interpreti: Peter Fonda (Wyatt 'Capitan America'), Dennis Hopper (Billy), Jack Nicholson (George Hanson), Antonio Mendoza (Jesus), Phil Spector (Connection), Mac Mashourian (guardia del corpo), Luana Anders (Lisa), Sabrina Scharf (Sarah), Luke Askew (hippy sull'autostrada), Warren Finnerty (proprietario del ranch). Produzione: Peter Fonda per Raybert Productions, Inc., The Pando Company, Inc
Restaurato in 4K da Sony Pictures Entertainment in collaborazione con Cineteca di Bologna presso i laboratori L'Immagine Ritrovata, Chace Audio e Deluxe Audio e Roundabout Entertainment.

Da ovest a est: Wyatt e Bill (Peter Fonda e Dennis Hopper, entrambi anche sceneggiatori del film), dopo aver trasportato un quantitativo ingente di droga dal Messico, attraversano gli States sui loro chopper nuovi fiammanti diretti al carnevale di New Orleans. Quintessenza del road movie e sintesi della cultura hippy, un viaggio nella decadenza dell’American Dream, nei nuovi sogni ribelli, tra donne, sesso, motociclette, stupefacenti e ottima musica rock. Poi c'è anche una sottile trama con una morale, che trova la sua perfetta sintesi alla fine del film. E lascia un terribile amaro in bocca. Indie fino al midollo, costò due lire e incassò milioni diventando il film-bandiera di un'intera generazione.

Truffaut sul film

Un film mitico

Easy Rider si è trasformato nell'immaginario collettivo in un vero e proprio fenomeno di costume, un mito che ha prodotto diversi e pericolosi tentativi di emulazione nei giovani che nei vari periodi si sono succeduti. Come sostiene, tra gli altri, Franco ...
Truffaut sul film

Una nuova Hollywood in una nuova America

Il periodo compreso tra gli ultimi anni Sessanta e la metà o la fine degli anni Settanta ha assunto un valore quasi mitico negli annali di Hollywood. Il suo avvento fu contrassegnato dall'uscita e dal successo di Gangster Story, Il laureato e Easy Rider, ...
Truffaut sul film

Dennis Hopper, ribelle e maledetto

Nel gennaio del 1991 si era tenuta a Parigi una corposa rassegna cinematografica intitolata Les rebelles d'Hollywood, in cui venivano mostrati lavori di personaggi in perenne conflitto con l'establishment, "ribelli, franchi tiratori o indipendenti, cineasti...

Antologia critica

Bandiera di un'intera generazione, Easy Rider fu praticamente il primo film hollywoodiano di produzione indipendente, girato fuori dall'influenza di Roger Corman (cui peraltro deve qualcosa), a ottenere un successo mondiale, dimostrando che i tempi erano ...
Galleria fotografica